MSB Series – Ep. 1

UN INCONTRO INASPETTATO

Il capo ufficio urla…minacciando di licenziarlo. Hank… Si alza lentamente, spingendo indietro la sua sedia, silenziosamente. Si guarda in giro, guarda gli occhi dei suoi colleghi, ponendo attenzione alla direzione dei loro sguardi. Ha visto la paura, il terrore, l’incertezza e avvertito tanti altri sentimenti. Ha capito di non aver nulla a che fare con quella gente ed è dispiaciuto per loro.

All’improvviso, senza proferire parola, inizia a correre, non va verso la porta, ma verso la finestra alla fine dell’ufficio.
Ha deciso… Sa esattamente cosa fare e come farlo.
Sembra stia correndo verso l’infinito proprio come stanno immaginando i colleghi che lo osservano.

C’è chi urla, chi lo guarda sbalordito, chi non può muoversi per fermarlo e tutti sono scioccati.

Hank sa benissimo che, dopo aver rotto il vetro, si troverà a 3 metri di altezza dal suolo, sospeso nell’aria.
All’improvviso si lancia dalla finestra e sparisce nel nulla.
Dopo l’atterraggio e un rotolamento sul terreno, corre velocemente a destra fino alla fine dell’edificio e lì, all’angolo dello stesso, appoggiandosi al muro, deve raggiungere le sbarre, distanti da lui circa un metro e mezzo.
Afferra la prima sbarra, oscilla, si lancia sulla seconda con un volteggio e, toccato terra, si trova davanti all’uscita di emergenza.

Tutto si svolge come Hank aveva premeditato.
Passo dopo passo, proprio come lui voleva.
Improvvisamente trova di fronte a sè Kelo e Dux, due dei suoi colleghi di ufficio.

Hank chiede loro con sorpresa: “E voi… Che ci fate qui?”
“Bel percorso…un capolavoro. Complimenti. A proposito, il capo è quasi svenuto” – dice Kelo.
“Era bianco come questo muro” – interrompe Dux.
A Kelo e Dux che si guardano, basta semplicemente uno sguardo per capirsi e Kelo, ridendo, chiede all’altro: “Lo prendiamo in squadra?”
“Squadra? Non capisco!” – interviene Hank confuso.

“Domattina… Alla metropolitana… Linea rossa… Ore 08.00… Ultima fermata dove c’è la fontana.” Questo è quanto gli dicono Kelo e Dux mentre si allontanano sorridendo.

Hank rimane impietrito, senza capire cosa stesse veramente succedendo in questa successione così veloce di movimenti e di parole.

Tra sè e sè pensa: “cosa succederà domattina… Alla metropolitana… Linea rossa… Ore 08.00…Ultima fermata dove c’è la fontana? E questi due… Come sapevano che io…?”

To be continued…
S.R.

matsanbros.com
Parkour – Freerunning – Art du Deplacement

La Paura

paura

Tutti abbiamo paura, la differenza sta tra quelli che la subiscono e quelli che la usano!

La paura non ti deve limitare o impedire i movimenti, deve servirti a rimanere concentrato, bisbigliarti “ok, ora basta con le cazzate e concentrati! attiva tutti i sensori, pensa, fai 7 respiri, visualizza e vai!”

Non ti abbandonerà mai, ti seguirà sempre come un’ombra silenziosa e latente, ed è giusto così; non è tua amica, ma nemmeno il tuo peggior nemico, è più uno strumento che nessuno ti spiegherà mai come funziona poiché differisce a seconda delle persone; non sfuggirle sperando svanisca ma studiala, capiscila ed impara ad usarla, e diventerei sempre più padrone di te stesso.

Ci sono luoghi in cui anche l’uomo più coraggioso ha paura di guardare, ma è lì che dobbiamo andare, scavando tra i nostri demoni e le nostre bugie.

Non credo che esistano praticanti più o meno bravi, credo piuttosto che ci siano praticanti più o meno “forti”, e sono quelli che meritano il massimo rispetto, perché non è il numero di tecniche in grado di fare, i metri di salto o le acrobazie più complicate, ma è il numero di demoni sconfitti e bugie svelate che fanno il praticante.

Tutti abbiamo paura e tutti abbiamo demoni da sconfiggere, se non li avete: cercateli e li troverete.

Forza e Rispetto.

R.B.

Parkour – L’arte Dello Spostamento

article 01

“You are only restricted by your own imagination”
(“Sei limitato solo dalla tua immaginazione”)

È il concetto base che accompagna tutti gli atleti della Matsan Bro’s ASD, neonata associazione sportiva che si impegna a diffondere i principi ed i valori del Parkour.
Il Parkour è una nuova disciplina sportiva nata in Francia negli anni ’80 e sta prendendo piede in tutto il mondo, Italia compresa.
La Matsan Bro’s è tra le prime società sul territorio bresciano ed unica in provincia di Mantova a praticare esclusivamente questo tipo di attività.
Scopo del Parkour è allenare il proprio corpo al fine di essere in grado di muoversi avanzando rapidamente, facendo uso dell’ambiente che ci circonda in qualunque momento. Continue Reading…